La saggezza del non sapere

L’uomo più intelligente del mondo è colui che sa di non sapere. Questa frase mi ha sempre accompagnato nella mia vita, da quando alle superiori, Socrate mi faceva impazzire tra versioni di Latino e citazioni filosofiche.

Nella mia carriera mi sono trovata molte volte davanti a capoccioni di ogni genere, matematici, professionisti… insomma quelli che hanno l’aria di sapere davvero molto. E ne sanno molto.

Io nel mio piccolo ho sempre adottato la strategia del ‘non sapere’. Imparate ad ascoltare, a guardarvi intorno, a ricercare metodi e consulenze anche gratuite, non fermatevi mai.

Chi si forma da solo, studia, apprende e mette la sua vita in discussione, spesso, viene messo alla gogna, viene additato, alcune volte anche deriso, ma se credete davvero in ciò che fate, credete nei vostri sogni allora lasciate correre, lasciate andare.

Tenete per voi le critiche costruttive, quelle servono a migliorarsi e puntato il vostro obiettivo lasciando cadere ogni influenza negativa.

Rimanete concentrati, sorridete degli scherni semplicemente perché voi avete fatto quello che chi vi punta il dita non ha mai avuto il coraggio di fare: osare e credere nelle vostre capacità.

E cosa c’è di meglio?

Ma ricordate di non smettere mai di essere curiosi, di capire, di ascoltare e provare a mettervi in gioco … la vera crescita personale è proprio lì.

Perché questo messaggio oggi?

Perché mi sono ritrovata spesso ad essere giudicata nel mio modo di lavorare, di gestire, di crescere e valorizzare un prodotto ed ogni volto ho risposto con un sorriso sulle labbra ed i dati alla mano… sono loro che parleranno per voi.

Vi lascio un link con una musica che ascolto spesso quando scrivo o elaboro i miei testi… mi fa rilassare ed il prossimo post parlerà ancora di novità Instagram, ma quelle belle.

la musica giusta