Qual è il tuo valore aggiunto

Nei vari corsi che continuo a seguire e che riguardano il marketing digitale, spesso sento parlare di valore aggiunto.

E così ho iniziato a pensare che, forse, questo valore aggiunto di cui tanti parlano potrebbe essere la chiava di svolta non solo nell’ambito lavorativo, ma anche in quello di tutti i giorni.

Cosa vi rende differenti dalla massa? Ci avete mai pensato? Lasciamo perdere le caratteristiche fisiche… quelle poco contano perché chi alto, chi basso, chi moro, chi biondo siamo tutti eccezionalmente belli.

Parlando con un mio amico, qualche giorno fa, mi sorprese la sua affermazione: ‘Nei nostri piccoli dettagli, presi separatamente, siamo tutti terribilmente perfetti, ma le particolarità ci rendono unici’.

E così da pensatrice ho iniziato a riflettere sulle mie particolarità…

Cosa ho di così eccezionale da poter essere unica? Qual è il mio valore aggiunto?

Ho chiesto ad un po’ di persone che mi conoscono bene cosa terrebbero di me e cosa butterebbero via. L’ho fatto perché volevo capire come apparivo ai loro occhi, come loro mi vedevano e soprattutto questo ‘giochetto’ avrebbe tirato fuori il mio valore aggiunto.

Parliamo prima di cosa butterebbero:

La mia insicurezza è una delle cose che forse è il caso di lasciar andare, così come l’autostima sotto i piedi e quell’aria da ‘saccente secchiona’ che indosso con estrema disinvoltura.

Cosa terrebbero?

Ho degli amici eccezionali e di sicuro terrò loro. Quello che ne è uscito è che il mio valore aggiunto sono io. Ebbene si… Nelle particolarità del mio essere, negli errori, nei difetti, nelle esperienze giuste o sbagliate, nei sorrisi forzati o nei silenzi, nell’essere una sognatrice eppure terribilmente razionale… io rendevo particolare me stessa.

Il nostro valore aggiunto, nella vita, nel lavoro, nei rapporti interpersonali siamo semplicemente noi, con le nostre imperfezioni, con le nostre particolarità, con il nostro essere differenti per pensieri ed errori… ognuno di noi è il valore aggiunto di se stesso.

Se fossi diversa sarei lo stesso io? Non lo so… devo sperimentare ma essere se stessi, e lo voglio sottolineare, non vuol dire rimanere incatenati all’idea ed alla concezione che crescere e cambiare non siano fattori positivi, anzi. Io sono me stessa dopo aver affrontato un cammino, dopo aver tolto le zavorre dal mio pensiero, dopo aver sbattuto contro la realtà… ed oggi, nel bene e nel male io sono questa.

Nel lavoro, nella vita, in amore… il valore aggiunto che rende tutto differente è il mio modo di lavorare, di vivere, di amare…. Ma è pur sempre il mio.

Il vostro valore aggiunto, care mie, siete voi che rendete unico ogni giorno della vostra vita.

Il valore aggiunto…siamo noi