L’amore è una cosa semplice

Ci siamo, con San Valentino alle porte parlare d’amore è quasi obbligatorio.

Eppure è una ‘festa’ che non ho mai voluto celebrare, non per ipocrisia, ma semplicemente perché per me non ha senso.

Immagino che avete anche sentito quella frasetta che gira nei giorni pre San Valentino: ‘Bisogna amarsi tutti i giorni’… Mi spiace, ma non sono d’accordo nemmeno così.

Praticamente sono incontentabile… ma oggi vi parlo della mia visione dell’amore e del perché questa festa mi fa alzare gli occhi al cielo.

Ho conosciuto l’amore, ebbene sì, ho provato il battito impazzito del cuore e gli occhi lucidi manco avessi visto l’apparizione ed ho capito cos’è l’amore per me.

Io amo incondizionatamente, amo quando le cose non vanno bene, amo quando si sorride, ma amo soprattutto quando il cielo diventa buio. Ed ho imparato che restare accanto ad una persona significa sceglierla così com’è, con i suoi pregi ed i suoi difetti, con i giorni pieni di vita e quelli in cui la vita la si vorrebbe fermare.

Ma amarsi tutti i giorni è un parolone… ci saranno giorni in cui ti mancherà la libertà di fare, la libertà di partire e lasciare tutto, ti mancherà la solitudine, ti mancherà poter guardare in giro e vedere qualche altro ‘bel ragazzo’. E ci saranno giorni in cui ti chiederai perché hai detto si, perché hai scelto lui, perché non restare soli…

Domande lecite, fanno parte della crescita di ognuno di noi, e ad ogni risposta ne verrà fuori un tassello che vi porterà poi a decidere…

Ma ricordate che l’amore è rispetto. Portare una donna a cena per poi aspettarsi il ‘regalino’ è squallido, così come cercare attenzioni da chi non ve le vuole dare è mancanza di rispetto per voi stesse o stessi.

Amate, amate incondizionatamente, amate con il cuore ma soprattutto con la mente perché l’amore è dare se stessi ad un’altra persone e, questa, deve meritare di avervi accanto.

Non accettate ‘ricompense’, non aspettate quel messaggio, non chiedete scusa se non lo credete davvero, non toglietevi il trucco se vi piace metterlo, non allungate la gonna e soprattutto non perdonate nessun tipo di violenza.

Chi ci tiene a voi, davvero, non vorrebbe mai, mai, vedervi soffrire, non vorrebbe mai farvi del male, non vorrebbe mai farvi piangere.

Oggi amo? Ebbene si, io oggi amo la vita, amo chi mi accompagna in questo viaggio, amo incondizionatamente chi mi porge la sua mano, ma a San Valentino festeggerò l’onomastico di chi porta questo nome e nulla di più… perché amare è una cosa semplice che, però, si propone un progetto molto più grande di una serata di dolcezze e carezze.

Foto di www.infocilento.it